Marcare CE o non marcare CE? Questo è il dilemma!

Non capita di rado che ci siano dubbi se un prodotto debba essere marcato CE o meno e dubbi su quale o quali direttive il prodotto debba fare riferimento.

Qualche tempo fa, ho avuto un piacevole scambio di opinioni con un tecnico della Camera di Commercio di Cesena, il quale esprimeva, anche dopo la citazione di molti riferimenti documentati, il suo disaccordo sul fatto che pitture murali e impregnanti dovessero essere considerati prodotti da costruzione e quindi essere marcati CE.

Gli stessi prodotti, se impiegati per dipingere un mobile o un oggetto da arredamento, non devono invece avere il marchio CE, non rientrando sotto nessuna direttiva.

Questioni simili si presentano spesso e così credo sia necessario chiarire, una volta di più, che il marchio CE, oltre che dal prodotto in sé, dipende dall’uso cui è destinato.

Per esempio: se un libro è anche un gioco per bimbi, deve essere marcato CE, mentre se non è destinato a questo tipo di finalità (un normalissimo libro di lettura per adulti) non necessita assolutamente del marchio.

Che la vernice che protegge il legno di rivestimento esterno di un edificio si debba considerare un prodotto da costruzione, in quanto stabilmente inglobato nella costruzione con evidenti scopi di protezione, lo afferma la direttiva 89/106/CE, mentre se la stessa vernice viene applicata su una credenza, non ha alcuna necessità di essere marcata.

costruire con prodotti sicuri

Pertanto la destinazione d’uso e la direttiva che regola l’utilizzo ultimo determinano la necessità di marcatura CE, con le conseguenti garanzie di sicurezza.

Facciamo un altro esempio: prendiamo un apparecchio elettrico che funziona a 12V, che derivano da un trasformatore che è a sua volta alimentato da corrente a 220V. Il produttore non fornisce il trasformatore. Bene, in questo caso, anche se non è fornito l’alimentatore, l’apparecchio in questione deve rispettare anche la direttiva Bassa Tensione, 2006/95/CE.

Quindi, la marcatura CE non è solo in funzione delle caratteristiche intrinseche del prodotto, ma essa dipende dall’uso finale a cui il prodotto o componente è destinato. E dall’uso finale dipende anche quale direttiva il prodotto deve rispettare.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *