I dialoghi dell’assurdo, ovvero solo lo stupito parla di cose che non conosce.

Ci ha contattato un architetto per farci delle richieste di chiarimento tecnico.

Un suo cliente, artigiano carpentiere, avendo costruito un cancello meccanizzato, ha avuto la richiesta dal committente di avere la marcatura CE.

In realtà tale richiesta non doveva neppure esserci, dato che il carpentiere doveva fare la marcatura CE senza che nessuno la richiedesse.

Le fatture devono essere fatte senza che le chieda il cliente, ed allo stesso modo la marcatura CE, è semplicemente un obbligo per chi realizza il prodotto.

Abbiamo spiegato a questo architetto che appunto per i cancelli e per tutti i prodotti da costruzione, esiste l’obbligo della marcatura CE.

L’architetto ha obiettato che il costruttore è un artigiano e quindi non è soggetto all’obbligo di marcatura CE (sic!)

Abbiamo riaffermato che i prodotti da costruzione, che sono disciplinati da norme armonizzate DEVONO essere marcati CE.

Allora lui ha fatto la chiusura ad effetto:- ma allora anche tutti gli infissi che io faccio installare sulle costruzioni che progetto, devono essere marcate CE! Lasciando intendere che era un’assurdità.

Meglio non aggiungere altro, la prossima volta a “personaggi” del genere, daremo subito ragione.

Abbiamo fatto così anche con quel tecnico che insisteva nel dire che era corretto fare le perizie asseverate (che faceva lui) per affermare la conformità delle macchine e poi non sapeva distinguere tra bassa e bassissima tensione, gli abbiamo detto che aveva ragione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *