Dogane? aaaaaaargh? II

Come per i film, gli spunti per nuovi episodi non mancano di certo. Proseguiamo così la saga delle storie di dogane, ovviamente sempre in materia di marcatura CE e importazioni, riportandovi un nuovo scambio tra un cliente ed un ufficio doganale.

Sia che abbiate letto il primo articolo oppure no, riteniamo che la cosa si commenti da sola. Tuttavia non possiamo resistere ne faremo lo stesso uno!

Testo richiesta:

faccio la domanda :..Per una spedizione che arriva da fuori Europa, precisamente da Hong Kong , chi e” da ritenersi responsabile per il contenuto della spedizione se la stessa spedizione rimane ferma presso i magazzini della dogana e non viene sdoganata , quindi non viene immessa in libera pratica ? .. ..

Testo risposta:

Gentile signor Regalo Dinatale,

in relazione al suo quesito, dovrà rivolgersi all’Ufficio doganale territorialmente competente. Proveniendo la sua richiesta da Xxxx, all’ Ufficio delle Dogane di XXXX –  Corso De Piscopo, 3 – 00122 Xxxx – Telefoni 0039  00000000 – omissis – omissis  e-mail dogane.xxxx@agenziadogane.it

Area Assistenza ed Informazione agli Utenti: Telefono omissis – Fax omissis

e-mail dogane.xxxx.urp@agenziadogane.it Distinti saluti

Evidentemente secondo chi scrive questa risposta, non esiste una spiegazione unica e assoluta per tutta l’Italia, ma è necessario rivolgersi all’ufficio territoriale che, a sua volta, darà la sua spiegazione.

Una volta, uno spedizioniere ha detto ad un nostro cliente che i passaggi in dogana delle merci dipendono dal singolo doganiere: ci veniva da ridere.

Ora, vedendo che è questa è la prassi, ci viene da piangere.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *