I prodotti per i quali il marchio CE è obbligatorio

I prodotti per i quali il marchio CE è obbligatorio

Sono moltissimi i prodotti per i quali il marchio CE è obbligatorio, essi sono individuati da categorie e da famiglie.

Marchio CE

Di seguito è riportato l’elenco delle categorie e per alcune di esse indichiamo qualche famiglia tra le più importanti, se desiderate maggiori informazioni  potrete richiederle ai nostri tecnici.

Categorie di prodotti

  • apparecchi a gas
  • ascensori
  1. attrezzature in genere elettriche e non
  2. scale da lavoro su macchine
  3. attrezzi elettrici portatili
  1. sabbia e cemento
  2. calcestruzzo
  3. pavimenti e colle
  4. intonaci e colori
  5. travi in legno
  6. cancelli e porte in ferro
  7. lavandini e lavabi
  8. lastre in poliuretano e polistirolo
  9. maufatti in calcestruzzo
  10. cerniere per porte
  1. camici
  2. guanti da lavoro
  3. guanti in lattice
  4. tappi per le orecchie
  5. scarpe da lavoro
  6. indumenti da lavoro in genere
  7. caschi
  1. macchine utensili
  2. quasi macchine
  3. macchine per movimento terra
  4. sollevatori anche manuali, funi e carrucole
  5. tutti i macchinari con almenno un componente mobile
  6. composizione di due o più macchine ognuna marcata CE
  1. apparecchi di illuminazione
  2. elettrodomestici
  3. trasformatori
  4. componenti elettrici
  5. composizione di una o più apprecchiature o componenti, ognuno marchiato CE
  6. apparecchi estetici
  • batterie
  1. al litio
  2. ad elementi immersi
  3. al cadmio, piombo ed altri componenti
  • apparecchiature funzionanti e di sicurezza funzionanti in atmosfere esplosive
  • caldaie ad acqua riscaldate con combustibile liquido, solido e gassoso
  1. bruciatori
  2. stufe a pellet
  3. stufe a legna
  4. camini e canne fumarie
  5. caldaie a pellet ed a legna
  • imbarcazioni da diporto
  • compatibilità elettromagnetica
  1. caratteristica di tutti i prodotti a funzionamento elettrico
  2. caratteristica propria di macchine con parti rotanti
  • strutture di protezione da caduta di oggetti
  • strutture di protezione da ribaltamento
  • terminali di telecomunicazioni
  1. telefoni cellulari
  2. radio trasmittenti e/o riceventi
  3. apparecchiature anche portatili che emettono o ricevono onde elettromagnetiche
  4. autovelox
  • tosaerba
193 Comments
  • giuseppe
    Posted at 17:36h, 05 luglio Rispondi

    Vorrei sapere gentilmente se su manufatti in cemento,tipo pozzetti,cordoli e masselli autobloccanti è prevista la marcatura CE. In caso di risposta positiva le chiedo ogni singolo pezzo deve essere marcato? Grazie attendo Vs. notizie.

  • cetn
    Posted at 09:13h, 13 luglio Rispondi

    Chiedo scusa del ritardo nella risposta, che è affermativa per entrambe le domande, tutti devono essere marcati anche singolarmente, poi il produttore decide il metodo di marcatura, che non è necessariamente impresso sul prodotto, ma può essere un’etichetta o un disegno ( a spruzzo con sagoma in lamiera ).
    Saluti

  • Roberto
    Posted at 20:22h, 13 luglio Rispondi

    Ho intenzione di importare pompe eoliche ( mulini a vento) dal sud America e volevo capire come fare per la marcatura CE che imagino sia necessaria per commercializzarli in Europa, si tratta di macchine semplici con gli organi in movimento ad un’altezza di 10 mt senza nessun tipo di congegno elttrico.
    Grazie

  • cetn
    Posted at 10:06h, 17 luglio Rispondi

    Salve, questi prodotti sono macchine a tutti gli effetti e quindi soggetti alla omonima direttiva.
    Nel caso lo desideri, può richiedere un preventivo gratuito.
    Cordiali saluti.

  • Antonella
    Posted at 13:55h, 30 agosto Rispondi

    Salve, vorrei sapere se le morse per officina ed i loro componenti (ganasce ecc) devono essere marcati CE. Grazie
    Antonella

  • cetn
    Posted at 14:51h, 01 settembre Rispondi

    Salve, la morsa come molti altri attrezzi da officina non rientra in una direttiva che preveda la marcatura, non è un macchina, perchè non si muove con energia diversa da quella umana e non è un’attrezzatura intercambiabile, quindi se si tratta di semplice morsa manuale non è soggetta ad obbligo di marcatura.
    Attenzione però, è soggetta alla direttiva 2001/95/CE ed è poi necessario verificare se non esistano norme specifiche di prodotto ( verifica che si può fare presso l’UNI ), in base a tale direttiva l’unica differenza tra prodotto con obbligo di marchio e prodotto senza obbligo è la presenza del marchietto, tutti gli altri vincoli esistono comunque.
    Cordiali saluti

  • Giulio
    Posted at 10:34h, 02 settembre Rispondi

    Salve, vorrei avere un’informazione riguardante le apparecchiature elettromedicali: un’apparecchiatura con marchio CE, se sottoposta ad un aumento della tensione massima del proprio generatore, deve essere soggetta nuovamente alla marcatura? Ho letto che la ri-marcatura è necessaria solo per le modifiche sostanziali.
    Grazie.

  • cetn
    Posted at 14:28h, 02 settembre Rispondi

    Salve, mi sembra che quanto Lei riporta sia corretto, in quanto risponde ai criteri generali di tutte le direttive, se la modifica non cambia le caratteristiche medicali e non introduce pericoli per il paziente direi che non dovrebbero esserci problemi, purché la cosa venga documentata.
    Dato che lei dice che ha letto questa cosa, dovrebbe verificare la fonte, perchè se lo legge in un blog come questo, non può presupporre che sia una fonte ufficiale, quindi la verifica della fonte e la verifica sui documenti ufficiali è sempre doverosa.
    Cordiali saluti

  • Lucia
    Posted at 12:37h, 10 settembre Rispondi

    Salve, vorrei sapere se per una postazione in vetroresina che serve da supporto per un pc,destinato a luogo pubblico, sia necessario che questa struttura abbia il marchio CE.Oppure il fornitore deve rilasciare solo il certificato di conformità?
    Cordiali Saluti

  • cetn
    Posted at 13:39h, 14 settembre Rispondi

    Salve, il supporto in quanto tale non avrebbe bisogno del marchio CE, ma essendo destinato a completare un’installazione soggetta a varie direttive, deve anch’esso rispettarle, quindi ne ricade all’interno con relativi obblighi.
    Se il supporto viene venduto dal produttore ad altro operatore che poi lo venderà e lo installerà, può avere la sola dichiarazione di conformità, poi la marcatura dell’intero apparato comprenderà anche il supporto, altrimenti su molti prodotti sarebbero presenti tanti marchi CE quanti i passaggi della filiera, sarebbero inutili.
    Cordiali saluti

  • franco
    Posted at 07:39h, 24 ottobre Rispondi

    Salve vorrei sapere se la tradizionale moka in alluminio da 3 tazze rientra neegli articoli che devono avere marchio CE

    • cetn
      Posted at 17:07h, 26 ottobre Rispondi

      Salve, non deve essere marcate CE, ma deve rispettare la Direttiva 2001/95/CE sulla sicurezza dei prodotti.

  • Fannie
    Posted at 09:40h, 23 novembre Rispondi

    Vorrei sapere se la marcatura CE è obbligatoria sulle calzature con lucine a LED.
    Grazie

    • cetn
      Posted at 10:37h, 29 novembre Rispondi

      Salve, questo prodotto deve essere marcato CE, in quanto contiene un dispositivo che funziona a batteria ed è quindi soggetto alla direttiva di compatibilità elettromagnetica.
      Cordiali saluti

  • Michele
    Posted at 22:24h, 26 dicembre Rispondi

    Buongiorno, vorrei sapere se la marcatura CE e’ obbligatoria sulle lanterne volanti, le piccole mongolfiere che volano nel cielo. Se si’, come posso ottenerla?

    • cetn
      Posted at 14:05h, 28 dicembre Rispondi

      Salve, il prodotto va marcato CE e la marcatura non si ottiene, ma si fa, quindi Lei deve imparare come si fa.
      La nostra società fornisce la consulenza per questa attività.
      Cordiali saluti.

  • Avaldi Maurizio
    Posted at 14:46h, 03 gennaio Rispondi

    Buon giorno , per cortesia vorrei sapere se le staffe per selle da equitazione sono soggette a marcatura CE , cioè se le stesse devono essere sottoposte a prove meccan iche di riferimento , e se deve essere redatto il fascicolo tecnico di accompagnamento .

    • cetn
      Posted at 10:12h, 05 gennaio Rispondi

      Salve, il prodotto da lei indicato non ricade in nessuna direttiva che preveda la marcatura CE, però come tutti i prodotti è soggetto alla direttiva 2001/95/CE, che impone che un prodotto per essere immesso in commercio (libera pratica) debba essere sicuro.
      Quindi le attività che menziona Lei, analisi dei rischi, prove di resistenza e quant’altro serva a garantire la sicurezza del prodotto, non solo è opportuno ma altresì obbligatorio.
      In questo caso perciò possiamo dire marchio CE no, sicurezza SI, SEMPRE.
      Saluti.

  • Gaetano
    Posted at 12:07h, 09 febbraio Rispondi

    Salve, se per la costruzione di una rete di sensori (non wireless) mi sono servito di una scheda elettronica di acquisizione(bassissima tensione) piu’ 2 schedine elettroniche(bassissima tensione) che possiedono sensori.Tali schede sono state acquistate su internet. Le ho dotate di appositi contenitori e cavi di collegamento.
    Le schede non hanno il marchio CE.
    Se voglio vendere questo dispositivo ad una seconda persona, quali sono le leggi/norme che deve rispettare?

    • cetn
      Posted at 16:56h, 13 febbraio Rispondi

      Salve. mi pare che non ci sia utilizzo di bassa tensione, quindi ricadrebe in compatibilità elettromagnetica, c’è però da definiire il campo di applicazione del prodotto, dato che anche questo influenza la scelta della diirettiva da rispettare.
      Saluti.

      • Gaetano
        Posted at 13:56h, 14 febbraio Rispondi

        Grazie della risposta, è stato molto gentile.
        Vorrei fare una precisazione in merito: il dispositivo che mi hanno richiesto non è un prodotto, ma un prototipo. Le leggi non parlano di Marchio CE o altro per Prototipo.
        Domanda: in questo caso come mi devo comportare?

        Aspettando una sua risposta
        Cordiali Saluti

  • Mario
    Posted at 15:07h, 07 marzo Rispondi

    Buon giorno, noi abbiamo realizzato un generatore di vapore a pressione atmosferica utilizzando dei componenti marcati CE, per un applato, quindi un pezzo unico, dobbiamo marcare CE il generatore o basta la dichiarazione di conformità?

    • cetn
      Posted at 17:08h, 08 marzo Rispondi

      Salve, per poter fare la dichiarazione di conformità, il lavoro da fare è lo stesso che per la marcatura completa, risparmia solo di apporre l’etichetta e non rispetta la direttiva.
      Non credo che il problema sia la realizzazione dell’etichetta.
      Cordiali saluti

  • dilucer
    Posted at 14:40h, 12 marzo Rispondi

    Salve, stiamo studiando un prodotto in plastica che al suo interno contiene un accendino ricaricabile a gas ( importanto dalla Cina, conforme ISO9994 ). In questo caso per la commercializzazione occorre il marchio CE o non è necessario ? Grazie della risposta

    • cetn
      Posted at 09:25h, 14 marzo Rispondi

      Salve, gli accendini e le loro applicazioni non devono essere marcati CE, devono rispettare la Direttiva 2001/95/CE.
      Saluti

  • max
    Posted at 14:51h, 13 marzo Rispondi

    per la costruzione di piccoli generatori elettrici bassa tensione 12-230 volt alimentati a fotovoltaico in bassa tensione 12-230 volt mediante l’uso di apparecchiature assemblete in commercio sul territorio nazionale e tutte a marchio CE è necessaria nuovamente la pratica per la marchiatura ce del prodotto finito oppure è sufficente la dichiarazione di conformità se sull’apparato sono presenti tutti i sistemi di sicurezza previati x tali articoli??

    • cetn
      Posted at 09:58h, 14 marzo Rispondi

      Salve, ripeto per l’ennesima volta, ma è sempre utile che la dichiarazione di conformità non sostituisce MAI la marcatura CE, di cui è solo una parte.
      Il prodotto realizzato con componenti marcati CE, DEVE essere SEMPRE marcato CE, perchè il prodotto finale è sempre una cosa diversa dai componenti.
      Saluti

  • Alessia
    Posted at 14:41h, 15 marzo Rispondi

    Salve, ho letto con molto interesse le domande e le ottime risposte pubblicate sul vostro sito, perciò anche io vorrei chiedervi un parere. La mia società sta per realizzare un prodotto e vorrebbe apporvi il Marchio CE. Tale prodotto rientra nella categoria “Bassa tensione”. Volevamo sapere tempi e costi di tale certificazione, anche con il vostro supporto.
    Grazie mille.

    • cetn
      Posted at 07:35h, 21 marzo Rispondi

      Salve, nel blog non forniamo informazioni di tipo commerciale, quindi provvederemo ad inviarLe un preventivo per un eventuale intervento, nel frattempo preciso che è la marcatura CE e non la certificazione, ciò che serve al Vostro prodotto.
      Cordiali saluti.

  • Rosa
    Posted at 09:52h, 27 maggio Rispondi

    Buongiorno, avrei bisogno di un’informazione.
    Per esportare prodotti alimentari c’è bisogno del marchio CE?
    Vi ringrazio per la disponibilità.
    Cordiali saluti.

    • cetn
      Posted at 14:04h, 30 ottobre Rispondi

      Chiedo scusa del ritardo, ma non ho ricevuto la segnalazione del commento.
      No i prodotti alimentari non devono essere marcati CE

  • alessandro
    Posted at 08:54h, 27 luglio Rispondi

    Buongiorno, sono a chiedere se le biciclette a pedalata assistita, devono essere marchiate CE.
    Grazie e saluti

    • cetn
      Posted at 14:05h, 30 ottobre Rispondi

      Chiedo scusa del ritardo.
      La risposta è assolutamente si

  • Matteo
    Posted at 08:55h, 04 agosto Rispondi

    Salve. Innanzitutto complimenti per il Vostro blog: bravi!

    Per quanto riguarda l’informatica quali prodotti devono avere la marcatura CE? Esempio mouse, tastiere, apparati USB, hard disk etc etc. C’è una direttiva specifica che identifica quali sono i prodotti informatici con l’obbligo di marcatura CE? Esempio: in Germania ho trovato una penna wireless e una pendrive senza marchio CE.

    Grazie mille! Matteo

    • cetn
      Posted at 14:06h, 30 ottobre Rispondi

      Chiedo scusa per il ritardo, c’è stato un problema sulle comunicazioni dei commenti.
      Tutti i prodotti collegati con l’informatica devono essere marcati CE

  • giorgia
    Posted at 14:00h, 21 agosto Rispondi

    volevo sapere se io realizzo dei giocattoli in cartone per bambini serve il marchio CE e se si come si fa ad avere? e che requisiti deve avere il gioco affinche possa ottenere il marchio? Grazie per la risposta

    • cetn
      Posted at 16:59h, 30 ottobre Rispondi

      Salve, mi scuso del ritardo nella riposta, ma un problema tecnico non mi faceva vedere i commenti.
      I giocattoli devono essere marcati CE e per poterli marcare il produttore deve rispettare le caratteristiche indicate nella direttiva.
      Cordiali saluti.

  • Fulvio
    Posted at 10:27h, 28 agosto Rispondi

    La nostra società italiana importerà delle schede elettroniche da un paese extra europeo. La scheda verrà poi utilizzata per realizzare un prodotto finito composto da altre schede. Il prodotto finito verrà assemblato, programmato e collaudato in italia. La nostra società provvederà al rilascio del certificato di conformità CE per il prodotto finito (eseguendo le dovute prove). La domanda è: è possibile impotare in italia la scheda elettronica senza richiedere il certificato CE e la marchiatura sulla stessa, visto che questa non verrà rivenduta e distribuita come unità singola? La dogana italiana potrebbe fare problemi a riguardo? Grazie mille

    • cetn
      Posted at 16:58h, 30 ottobre Rispondi

      Salve, mi scuso del ritardo nella riposta, ma un problema tecnico non mi faceva vedere i commenti.
      La dogana italiana potrebbe creare problemi anche se in contrasto con la legge, ma in questo caso avrebbe qualche motivo, perchè dalla Sua mail risulta che non è molto chiaro cosa significa marcare Ce un prodotto.
      Lei parla di certificazione al posto di marcatura e mescola un pò di cose per cui è anche difficile rispondere, perchè bisognerebbe parlare per esteso di tuta la procedura di marcatura.
      Forse una lettura approfondita degli argomenti del sito può aiutare.
      Cordiali saluti

  • Enrico
    Posted at 16:33h, 31 agosto Rispondi

    Salve, ho necessita’ di importare e commercializzare delle vernici isolanti termicamente, per utilizzo non in ambito civile ma industriale. Occorre il marchio CE anche se l’ambito di applicazione è solo quello industriale? Quanto tempo occorre per ottenerlo in caso obbligatorio?
    Cordiali saluti.

    • cetn
      Posted at 16:55h, 30 ottobre Rispondi

      Salve, mi scuso del ritardo nella riposta, ma un problema tecnico non mi faceva vedere i commenti.
      i prodotti da Lei indicati hanno l’obbligo di marcatura CE.
      Il tempo di realizzazione è di 15 gg.
      Cordiali saluti.

  • irene
    Posted at 09:51h, 04 settembre Rispondi

    Salve, vorrei sapere per quanto riguarda i prodotti da ufficio, quali necessitano del marchio CE. Si parla di evidenziatori, cucitrici, calcolatrici, penne, colle, temperini, forbici. Dove posso trovare un elenco dettagliato, anche a pagamento?

    Grazie

    • cetn
      Posted at 16:54h, 30 ottobre Rispondi

      Salve, mi scuso del ritardo nella riposta, ma un problema tecnico non mi faceva vedere i commenti.
      Questi prodotti non necessitano di marcatura CE a meno che non li utilizzino i bambini.
      Devono in ogni caso rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Cordiali saluti.

  • Marter
    Posted at 19:16h, 27 settembre Rispondi

    Buongiorno,
    E’ possibile vendere un prodotto online ( scheda elettronica in radiofrequenza ), senza marcatura CE sottolineando che è destinato all’ uso in paesi extra CE ? (ovviamente mancherebbe anche di altre marchiature )
    Visto che potrei avere anche clienti ( privati ) che acquistano in Italia.
    O comunque visto che è una piccola serie, quindi ancora stato prototipo, non è soggetta a marcatura ?

    Grazie

    • cetn
      Posted at 16:52h, 30 ottobre Rispondi

      Salve, mi scuso del ritardo nella riposta, ma un problema tecnico non mi faceva vedere i commenti.
      per i Paesi extra CEE non è prevista la marcatura CE, per i Paesi intra CEE è obbligatoria, indipendentemente dalla quantità.
      Cordiali saluti

  • Leonardo
    Posted at 18:01h, 28 settembre Rispondi

    Salve, ho intrapreso un attività di vendita online e importo dalla Cina custodie di telefonini, vorrei sapere se devo rispettare delle normative su questo tipo di prodotto e se effettivamente la dogana si comporta già da filtro sui prodotti che non possono essere commercializzati .
    Cordiali Saluti.

    • cetn
      Posted at 16:51h, 30 ottobre Rispondi

      Salve, mi scuso del ritardo nella riposta, ma un problema tecnico non mi faceva vedere i commenti.
      Le custodie del telefoni non hanno obbligo di marcatura ma devono rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Cordiali saluti.

      • Davide
        Posted at 20:41h, 13 luglio Rispondi

        Salve
        per quanto riguarda la normativa 2001/95/CE cosa si deve fare per sapere se il produttore rispetta la direttiva?
        Cosa e’ necessario avere affinchè io possa passare un controllo alla dogana senza incorrere in multe o denunce?
        Io vorrei importare,ma non ho idea a chi rivolgermi per importare in maniera legale e senza problemi.
        Grazie

        • cetn
          Posted at 16:54h, 14 settembre Rispondi

          Salve, purtroppo vedo solo ora il Suo commento per un problema di comunicazione del sito.
          Per poter trattare i prodotti che ricadono nella direttiva 2001/95/CE è necessario rispettare questa direttiva ed i casi sono talmente variabili che non è possibile informazioni adeguate.
          Nel caso fosse interessato ad una nostra consulenza in merito, siamo a disposizione.
          Cordiali saluti

  • Lucio Cantore
    Posted at 19:05h, 09 ottobre Rispondi

    Salve,

    Vorrei commercializzare delle selle in fibra di carbonio provenienti dall’oriente, è obbligatoria la marchiatura CE?

    Grazie e complimenti,
    Lucio.

    • cetn
      Posted at 14:41h, 30 ottobre Rispondi

      Chiedo scusa per il ritardo, c’è stato un problema di comunicazione dei commenti.
      Non so la destinazione di queste selle, quindi non sono in grado di dare una risposta esaustiva.
      Specifichi la destinazione d’uso.
      Cordiali saluti.

  • aurora
    Posted at 09:12h, 14 novembre Rispondi

    Buongiorno, vorrei sapere se un prodotto infantile, chiamato baby safe feeder, una specie di ciuccio dove si mettono i alimenti dentro in modo che il bambino li mangi senza pericolo di strozzarsi ha bisogno di portare il marchio CE (non è un giocatolo, è un istrumento per mangiare). Questo è un prodotto americano testato e accettato per la food and drug administration e testato per la presenza di cadmio e migrazione di particole.
    grazie

    • cetn
      Posted at 18:09h, 15 novembre Rispondi

      Salve, questi prodotti non devono essere marcati CE.

  • Marco
    Posted at 19:45h, 18 novembre Rispondi

    Per la autoproduzione e distribuzione di un oggetto di design in pla o comunque in materiale plastico, con due alloggiamenti per piccole calamite, richiede marcatura ce ?

    • cetn
      Posted at 15:39h, 19 novembre Rispondi

      Salve, il prodotto non rientra in alcuna direttiva che ne preveda la marcatura CE.
      Cordiali saluti

      • Luciano
        Posted at 11:22h, 04 giugno Rispondi

        salve, l’importazione di magneti al neodimio per fare accessori per strumenti musicali richiede la marcatura CE o altri tipi di certificazione?

        • cetn
          Posted at 16:29h, 04 giugno Rispondi

          Salve, il prodotto in sè non necessita di marcatura CE, ma deve rispettare la direttiva 2001/95/CE.
          Cordiali saluti
          Staff CetN

  • sti
    Posted at 18:36h, 09 dicembre Rispondi

    Salve ho progettato un ancora in acciao per barche questo articolo per essere venduto ha bisogno del marchio ce?
    Grazie

    • cetn
      Posted at 12:40h, 10 dicembre Rispondi

      Salve, il prodotto deve essere marcato CE.
      Cordiali saluti

  • Tizi
    Posted at 10:56h, 11 dicembre Rispondi

    Salve, immagino che le cover per cellulari faccia parte della categoria “strutture di protezione da caduta di oggetti”. Siccome ho intenzione di importare questo tipo di oggetti, se non erro ho letto da qualche parte che il distributore (cioe’ io) puo’ assumersi la responsabilita’ di autodichiarare la certificazione CE semplicemente aggiungendo un bollino CE o sul prodotto o sull’imballo. Questo e’ veramente possibile? e se si, come posso comunque accertarmi realmente che queste cover sono tossicamente sicure? esistono dei laboratori che rilasciano delle certificazioni?

    grazie!

    • cetn
      Posted at 07:47h, 12 dicembre Rispondi

      Salve, il Suo commento è utile perchè mi consente di chiarire alcune cose e mostra (non certo per colpa Sua) quanta sia la confusione in merito alla marcatura CE.
      Prima di tutto il prodotto di cui parla NON deve essere marcato CE, perchè non rientra in nessuna direttiva che lo preveda, e ciò che Lei cita è un estratto da Direttiva Macchine, che certo non comprende le cover per cellulari.
      Nel caso contrario l’importatore DEVE e non PUO’, fare la marcatura che non è facoltativa se necessaria, i due termini sono antitetici.
      Certo Lei ha ben compreso non è un bollino che sancisce la sicurezza di un qualsiasi prodotto, come invece vogliono far credere molti “furbetti” in malafede, che poi si lamentano se la GdF sequestra i loro prodotti (sempre troppo pochi).
      Tutti i prodotti hanno come premessa necessaria alla vendita la loro sicurezza e questa deve essere garantita da chi li immette in commercio, nei modi opportuni ed in quelli previsti dalle direttive.
      Nel Suo caso vale la direttiva 2001/95/CE, se la scarichi e la legga bene, ma non utilizzi sintesi la legga dal testo originale e la studi bene e poi la applichi alle cover.
      Cordiali saluti.

  • Giuseppe
    Posted at 10:14h, 19 dicembre Rispondi

    Salve,
    prima di tutto voglio ringraziarvi per la chiarezza che fate riguardo ad argomenti un pò delicati e particolari.
    La mia domanda è: le cover per le chiavi delle automobili (il guscio esterno senza la parte elettronica, il codice HS è 83017000) è sottoposto a marcatura CE.

    Grazie anticipatamente

    • cetn
      Posted at 14:11h, 19 dicembre Rispondi

      Salve, bella domanda per un prodotto che potremmo definire “border line” ed ora vediamo perchè.
      Tutto ciò che riguarda funzionalmente le automobili rientra in automotive e non va marcato CE.
      La chiave è funzionale oppure no? Serve solo per avviare e fermare il motore, ed è soggetta a compatibilità elettromagnetica funzionando con le batterie.
      La cover è funzionale alla chiave?, direi di si, ma il problema sta al punto precedente.
      Personalmente non la marcherei, nè richiederei la marcatura CE.
      Cordiali saluti

      • Giuseppe
        Posted at 14:30h, 19 dicembre Rispondi

        Quindi non ritiene che sia necessario il certificato CE ed il ROHS invece?
        Può essere necessario certificare i materiali utilizzati in questi prodotti?

        La ringrazio per la sua chiarezza

        • cetn
          Posted at 01:54h, 20 dicembre Rispondi

          Il certificato RoHS riguarda tutti i prodotti con componenti elettrici ed elettronici e serve a certificare che la quantità di alcuni componenti, ad esempio il piombo, non supera determinati limiti.
          In questo caso ipotizzando che il prodotto rientri in automotive, tutto va riportato alle regole di questo settore di mercato, che sono completamente diverse e molto più severe di quelle del mercato convenzionale.
          Tanto per fare un paragone tra direttive sulla marcatura CE e regole di automotive, è come mettere a confronto le conoscenze derivanti dalla quinta elementare e quelle di un professore universitario, non si può neppure parlare di confronto.
          Spero di aver chiarito il punto.
          Cordiali saluti.

  • salvatore
    Posted at 13:41h, 03 gennaio Rispondi

    gennaio 03 2013,
    salve,
    vorremmo sapere se le scarpe con le lucini che vendiamo da bambini,
    hanno l’obbligo del marchio CE.
    aspetto un vostro riscontro in merito.
    grazie,
    cordiali saluti

    • cetn
      Posted at 16:48h, 09 gennaio Rispondi

      Salve, la risposta è affermativa.
      La presenza delle luci a led indica una qualche forma di energia presente e questa implica che quanto meno si deve rispettare la direttiva di compatibilità elettromagnetica.
      Escluderei di considerare la direttiva giocattoli, però espliciterei il fatto che non lo sono.
      Spero la riposta sia sufficiente.
      Cordiali saluti

  • Joanna
    Posted at 23:52h, 12 gennaio Rispondi

    Salve, vorrei sapere se i componenti di legno per la bigiotteria ( tipo perline in legno, bracciali, orecchini traforati, ecc) hanno l’obligo del marchio CE.
    Grazie mille
    Joanna

    • cetn
      Posted at 20:04h, 17 gennaio Rispondi

      Salve, a meno che non siano destinati ai bambini e quindi siano considerati giocattoli, questi prodotti non hanno obbligo di marcatura CE, ma sono soggetti alla direttiva 2001/95/CE che Le consiglio di leggere ed applicare.
      Cordiali saluti e scusi il ritardo nella risposta, abbiamo avuto qualche problema nella mail.

  • Nicola
    Posted at 22:25h, 23 maggio Rispondi

    buongiorno, volevo importare dalla cina delle chiavette usb e noto dalle foto che hanno il simbolo CE. Non penso sia quello riferito al china export. E’ possibile che abbiano già prodotti con la certificazione europea?

    • cetn
      Posted at 17:13h, 26 maggio Rispondi

      Buongiorno, la certificazione europea potrebbero averla, ma non deve essere confusa con la marcatura CE che un processo che deve fare l’importatore e NON può fare il produttore fuori Europa.
      Il fatto che i prodotti siano già marcati CE è da un lato un aspetto pratico, cioè il produttore lo stampa per facilitare l’importatore, da un lato una irregolarità/illegalità, perché un extra europeo non può applicare quel marchio e lo dovrebbe fare solo in nome e per conto di un soggetto europeo.
      Quindi se Lei acquista quelle chiavette per venderle Lei deve marcarle CE, il che non significa che deve metterci un altro marchio se quello è corretto, ma deve fare tutto ciò che deve precedere l’applicazione del marchio e che il cinese non ha certamente fatto.
      In quanto al china export, lasci perdere è una classica leggenda metropolitana, a nessun cinese verrebbe in mente una cosa del genere ed è solo un parto ormai molto datato di qualche importatore italiano.
      Cordiali saluti

  • Nicola
    Posted at 23:16h, 26 maggio Rispondi

    la ringrazio per le informazioni. Per quanto riguarda invece le pellicole protettive da mettere davanti e dietro i cellulari richiedono il marchio CE?
    Noto che qualche venditore cinese nel retro della scatola usa il marchio CE che come diceva sopra non sarà legale mentre alcuni non ce l’hanno propio.

    • cetn
      Posted at 13:48h, 28 maggio Rispondi

      Salve, le pellicole protettive non sono accessori funzionali e quindi non devono avere il marchio CE, il fatto che i cinesi marchino i prodotti dipende da molti fattori, ma certamente non da ciò che prevede la legge.
      Cordiali saluti

  • Andrea
    Posted at 21:31h, 09 settembre Rispondi

    Salve, desidero sapere se i seguenti prodotti necessitano di marcatura CE:
    – chiavette USB
    – coltelli con lama in ceramica
    – tubo estensibile per innaffiare il giardino e relativa “pistola” per produrre vari tipi di getto dell’acqua in uscita.

    Grazie.

    • cetn
      Posted at 07:10h, 11 settembre Rispondi

      Salve, le chiavette usb devono essere marcate CE in quanto sono accessori funzionali di prodotti che funzionano con energia elettrica anche se quella che interessa loro è proprio minimale.
      I coltelli devono rispettare la direttiva 2001/95/CE che non prevede l’applicazione del marchio CE.
      Per i tubi e le pistole da innaffiare la risposta è la stessa dei coltelli, perchè pur essendo collegati all’impianto idrico non hanno un collegamento stabile e quindi non possono essere considerati parte dello stesso.
      Cordiali saluti.

  • Giada
    Posted at 20:09h, 28 dicembre Rispondi

    Salve,
    gentilmente le chiedo per i seguenti prodotti se necessitano di marcatura CE:
    -mascherine antismog monouso
    -fermaporta di sicurezza per bambini
    -penne di colori
    -lucchetti e accessori di pesca. Grazie

    • cetn
      Posted at 16:20h, 15 febbraio Rispondi

      Salve, chiedo scusa per il ritardo, ma un problema di comunicazione mi ha impedito di vedere il commento.
      Dei prodotti da Lei citati, le mascherine hanno l’obbligo di marcatura CE, gli altri devono rispettare la direttiva 2001/95/CE sicurezza dei prodotti.
      Cordiali saluti.

  • Riccardo
    Posted at 23:39h, 19 gennaio Rispondi

    Buongiorno ,
    dovrei importare dei prodotti fabbricati fuori dalla comunità europea. In particolare sarebbero degli avvisatori acustici di abboccata , un prodotto alimentato a batterie che si usa nella pesca spotiva. Per questo tipo di prodotto è richiesta la marcatura CE per essere rivenduto in Italia? Ed inoltre per dei cavalletti reggi canne in acciaio inox e alluminio serve qualche certificazione?
    Grazie mille.
    Riccardo

    • cetn
      Posted at 16:21h, 15 febbraio Rispondi

      Salve, mi scusi della ritardata risposta dovuta ad un problema tecnico.
      Il prodotto funzionante a batteria deve essere marcato CE, gli altri devono rispettare la direttiva 2001/95/CE sicurezza dei prodotti.
      Cordiali saluti.

  • Laura
    Posted at 08:54h, 13 marzo Rispondi

    buongiorno.
    compliemtni per il sito. per cortesia, volendo importare delel calamite da frigo, vorrei sapere se devono esser marcate CE (non sono destinate all’uso per bambini in quanto non sono giocattoli ma oggetti di decoro per la casa). ho cercato informazioni su interet ma non ho trovato nulla che ne parli. grazie. Laura

    • cetn
      Posted at 15:26h, 14 marzo Rispondi

      Salve, le calamite usate per il frigo devono rispettare la relativa norma, mentre se sono utilizzate come decoro devono rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Il fatto che non siano destinati ai bambini non significa automaticamente che non abbiano necessità del marchio CE, in questo caso non è necessario perchè questo tipo di utilizzo non lo prevede.
      Cordiali saluti

  • Luca
    Posted at 19:34h, 23 aprile Rispondi

    Salve,
    complimenti per il sito. Ho letto che gli strumenti di misurazione hanno bisogno del marchio CE.Quando si parla di strumenti dimisurazione si parla di bilance, metri, sveglie o clessidre? Grazie

    • cetn
      Posted at 14:59h, 28 aprile Rispondi

      Salve, gli strumenti di misurazione sono tutti quelli che servono a misurare entità soggette a commercializzazione, quindi sveglie e clessidre no, bilance e metri si.
      La ringrazio e La saluto cordialmente

  • Michele
    Posted at 19:21h, 03 maggio Rispondi

    Salve, vorrei sapere se piercing,bracciali e anelli (quindi bigiotteria) devono avere il marchio CE. Grazie, attendo una vostra risposta.

    • cetn
      Posted at 17:31h, 13 maggio Rispondi

      Salve, chiedo scusa per il ritardo nella risposta, ma c’è stato un problema di segnalazione del commento.
      Questi prodotti come altri di bigotteria devono rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Cordiali saluti

  • Diego
    Posted at 16:37h, 22 maggio Rispondi

    Salve, la moka deve avere il marchio CE?

    • cetn
      Posted at 12:42h, 30 maggio Rispondi

      Salve, scusi il ritardo nella risposta, la moka è un recipiente che va in pressione ed ha pure un valvola di sicurezza, quindi la risposta è affermativa, a mio avviso il marchio CE ci dovrebbe essere.
      Cordiali saluti.

  • leocaviola
    Posted at 12:09h, 30 maggio Rispondi

    Salve da un paese fuori dalla comunità europea c’è stata una produzione di elementi in materiale EVA utilizzabili come pezzi degli scacchi e della dama. Posso essere venduti in Italia ? necessitano di marchio CE ?

    • cetn
      Posted at 12:43h, 30 maggio Rispondi

      Salve, questi prodotti, come tutti i prodotti, devono rispettare la direttiva 2001/95/CE, però non è necessario ci siamo il marchio CE sul prodotto, attenzione però, questo non significa che il produttore non debba fare nulla.
      Cordiali saluti

  • Marco
    Posted at 20:58h, 03 luglio Rispondi

    Salve e grazie per l’ottimo supporto che fornite.
    La mia domanda è sulla necessità di marchiatura CE per un modello di un normale ciuccio per bambini, che vorrei importare dagli USA dove è regolarmente in vendita.

    • cetn
      Posted at 16:53h, 17 luglio Rispondi

      Salve, il ciuccio per bambini è disciplinato dalla direttiva 2001/95/CE, inoltre è necessario verificare l’esistenza di direttive sui prodotti destinati ai bambini, in ogni caso la presenza del marchio CE non è richiesta, ma questo non ha alcuna influenza sulla necessità di sicurezza del prodotto.
      Cordiali saluti

      • Marco
        Posted at 15:12h, 25 luglio Rispondi

        Salve, grazie della risposta. Sulla confezione è riportato che è conforme alla direttiva EEC 90/128 (Materie plastiche a contatto con i prodotti alimentari) e a due direttive USA: BS EN 1400 (prodotti per bambini) 16 CFR 1511 (ciucci per bambini), può essere sufficiente per commercializzarli in Italia?

        • cetn
          Posted at 11:42h, 01 agosto Rispondi

          Salve, la documentazione è sufficiente per la commercializzazione.
          Cordiali saluti

  • Barbara
    Posted at 12:22h, 09 luglio Rispondi

    Salve,
    complimenti per il sito prima di tutto.
    La mia società deve rivendere ad una seconda società delle schede elettroniche (senza alimentazione) che la seconda società rivenderà ad una terza, europea, in due modi: 1) assemblate in una unità puperiore con tanto di altre schede, meccanica di contenimento di tutte le schede e cavi, 2) singolarmente, quindi come schede non alimentate, come parti di ricambio. E’ necessaria la mercatura CE? Inoltre, di queste schede verranno fatti dei prototipi. Se alla domanda precedente la ricposta è affermativa, anche i prototipi devono essere marcati CE? La ringrazio in anticipo per la collaborazione.

    • cetn
      Posted at 16:56h, 17 luglio Rispondi

      Salve, scusi il ritardo nella risposta, un problema tecnico ha impedito la comunicazione dell’arrivo del commento.
      I prodotti da Lei indicati hanno necessità di essere sottoposti alle procedure di marcatura CE.
      I prototipi se sono utilizzati esclusivamente a livello di laboratorio di prova non hanno questa necessità, ma nel momento in cui vengono messi a disposizione di terzi, ricadono nella prima situazione.
      La saluto cordialmente.

  • Lorenzo
    Posted at 09:50h, 22 agosto Rispondi

    Buongiorno e complimenti per il vostro sito e la vostra professionalità.
    Volevo sottoporvi un quesito: se io realizzo un dispositivo elettronico che utilizza tensioni non superiori ai 24V a che regole deve sottostare? Conformità? Marcatura CE? Compatibilità elettromagnetica? E se non necessitasse di marcatura CE ma avesse un utilizzo domestico (quindi alimentato dalla rete 220V) sarebbe sufficiente dotarlo di un alimentatore marcato CE?
    Grazie della disponibilità!

    Lorenzo

    • cetn
      Posted at 17:55h, 17 ottobre Rispondi

      Salve, purtroppo i complimenti sono immeritati infatti rispondiamo solo ora perchè a causa di un guasto non abbiamo ricevuto le segnalazioni dei commenti e questo ritardo è imperdonabile.
      I Suoi prodotti devono essere marcati CE in tutti i casi, e la marcatura la deve fare Lei.
      La saluto cordialmente

  • Michele
    Posted at 21:26h, 05 settembre Rispondi

    Gentile supporto, desidero sapere, i cavi USB per smartphone devo avere il CE?
    Inoltre, se importo un prodotto che deve avere il CE, anche se il produttore extraeuropeo mi fornisce
    il CE lo devo registrare io in Italia come distributore?

    Grazie
    Michele

    • cetn
      Posted at 21:23h, 17 ottobre Rispondi

      Salve scusi il ritardo, ma non ci sono arrivate le segnalazioni dei commenti.
      I prodotti da lei indicati devono essere marcati CE da Lei, non serve alcuna registrazione, ma la marcatura CE, si
      Cordiali saluti

  • Alessio
    Posted at 17:28h, 07 settembre Rispondi

    Buonasera, sto per importare auricolari e cavi USB x telefonia, nonché alimentatori USB da parete e auto e cavi otg il cui lavoro è quello di connettere una chiavetta USB a un telefono solo per lettura dati. Per questi articoli serve la certificazione CE?
    Grazie per il vostro servizio utilissimo.

    • cetn
      Posted at 21:23h, 17 ottobre Rispondi

      Salve, tutti questi prodotti devono essere marcati CE e Lei in quanto importatore deve marcarli CE.
      Cordiali saluti

  • Egidio
    Posted at 07:40h, 11 settembre Rispondi

    Action figures 20/40cm- non sono giocattoli, ma statuette da collezione) di ispirazione fantastica e gadget di vario tipo, utilizzando una stampante 3D per la produzione di piccoli lotti, o facendoli produrre ad un partner in cina.

    Con la stessa filosofia vorremmo realizzare oggetti di design, scarpe stampate con stampanti 3D e vestiti stampati nello stesso modo.

    Abbiamo bisogno di certificarli? Se si, di che tipo di certificazione necessitiamo?

    Per maggior chiarezza riporto di seguito un link al processo di stampa tramite stampante 3D:

    https://www.youtube.com/watch?v=MFcQ15rSI4Y

    Grazie in anticipo per la disponibilità.

    • cetn
      Posted at 21:25h, 17 ottobre Rispondi

      Salve, spero che la risposta possa esserLe utile anche se così in ritardo.
      Se questi prodotti non sono giocattoli non devono essere marcati CE.
      Cordiali saluti.

  • Alberto
    Posted at 08:47h, 18 settembre Rispondi

    Salve,
    gentilmente vorrei sapere se gli utensili a mano (cacciaviti, pinze, tronchesine) impiegati normalmente per lavori di meccanica richiedono la marcatura CE. E’ sufficiente un marchio come IMQ, GS, ecc?
    Grazie e complimenti per il sito.

    • cetn
      Posted at 21:26h, 17 ottobre Rispondi

      Salve, questi prodotti non devono essere marcati CE, devono rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Cordiali saluti.

  • marco
    Posted at 08:09h, 27 settembre Rispondi

    Buongiorno, posso sapere se i filtri depirogenanti antibatterici prodotti in india hanno bisogno di marcatura cee e certificato di conformità?
    utilizzandoli in ambiente ospedaliero, hanno bisogno di essere certificati come dispositivo medico?
    Grazie Marco

    • cetn
      Posted at 21:27h, 17 ottobre Rispondi

      Salve, questi prodotti in quanto dispositivi medici devono essere marcati CE e Lei in quanto importatore ha questo obbligo.
      La saluto cordialmente

  • Alberto
    Posted at 08:16h, 21 ottobre Rispondi

    Buongiorno, nel ringraziarla per la cortese risposta, vorrei chiedere se i dispositivi di blocco elettrico (catenacci isolati, morsetti, ecc.) devono essere forniti di marcatura CE. Grazie

    • cetn
      Posted at 07:16h, 23 ottobre Rispondi

      Salve, il materiale elettrico ed elettronico essendo soggetto a più di una direttiva, deve sempre essere soggetto al processo di marcatura CE.
      Il fatto poi che i prodotti riportino su di essi il marchio CE dipende da vari fattori, ovvero la possibilità reale di apporre il marchio e la destinazione finale di vendita: pubblico o professionale, nel primo caso il marchio ci deve essere sul prodotto o su un’etichetta, nel secondo caso è sufficiente la presenza sugli altri documenti che obbligatoriamente e SEMPRE devono accompagnare il prodotto.
      Cordiali saluti

  • Daygoro
    Posted at 21:59h, 26 dicembre Rispondi

    Salve, vorrei sapere se i modellini destinati alla vendita per persone con più di 14 anni devono avere il marchio CE.
    Grazie della risposta

    • cetn
      Posted at 17:21h, 14 gennaio Rispondi

      Salve, questi prodotti devono essere marcati CE, se funzionano elettricamente o meccanicamente, perchè pur non essendo giocattoli rientrano in altre direttive che lo prevedono, se invece si tratta di modellismo statico devono rispettare la direttiva 2001/95/CE.
      Cordiali saluti

  • Eli
    Posted at 16:51h, 10 febbraio Rispondi

    Salve vorrei sapere cortesemente se le custodie per telefoni cellulari importate dalla Cina richiedono il CE, grazie

    • cetn
      Posted at 11:32h, 12 febbraio Rispondi

      Salve, risposta negativa, questi prodotti devono rispettare la direttiva 2001/95/CE
      Cordiali saluti

  • Stefano
    Posted at 11:44h, 24 febbraio Rispondi

    Salve, un cavo USB che collega un dispositivo medico (con marchio CE) al pc per la configurazione, necessita di marchio CE? Grazie.

    Cordiali saluti

    • cetn
      Posted at 07:44h, 12 marzo Rispondi

      Salve, un cavo USB necessita di marcatura CE in ogni caso dato che è certamente un prodotto elettronico.
      Scusi del ritardo nella risposta.
      Cordiali saluti

  • Luca
    Posted at 16:10h, 25 marzo Rispondi

    Salve,
    vorrei importare da paesi extra UE pellicole per auto, wrapping in sostanza, per estetica o copertura di segni o usura.
    Cordiali Saluti

    • cetn
      Posted at 15:11h, 02 aprile Rispondi

      Salve, credo che Lei lo possa fare senza alcun problema.
      Cordiali saluti

  • Marco
    Posted at 17:44h, 30 marzo Rispondi

    Salve
    Stiamo aprendo una attività di rivendita di rotoli di Wrapping sono pellicole adesive colorate,
    Le volevo chiedere se per l’importazione dalla Cina hanno bisogno di certificazione CE?

    Ringraziandola anticipatamente del vostro servizio porgo

    Cordiali Saluti

    • cetn
      Posted at 15:13h, 02 aprile Rispondi

      Salve questi prodotti no possono e non devono essere marcati CE
      Cordiali saluti

  • Giada
    Posted at 21:10h, 31 marzo Rispondi

    Salve,
    la bussola e il metro di misurazione sono prodotti che hanno l’obbligo del marchio CE?
    La ringrazio anticipatamente

  • Davide
    Posted at 17:17h, 07 aprile Rispondi

    Vorrei sapere se gli utensili manuali (cacciaviti, pinze, ecc.) isolati ed impiegati per lavori su impianti elettrici, richiedono la marcatura CE e la dichiarazione di conformità.

    Ringrazio e faccio i complimenti.
    Cordiali saluti

    • cetn
      Posted at 07:20h, 09 aprile Rispondi

      Buongiorno, gli utensili da Lei indicati, cioè i comuni utensili utilizzabili anche a livello domestico NON devono e NON possono essere marcati CE.
      Essi devono rispettare la direttiva 2001/95/CE ed eventuali norme ad essa armonizzate, ma detta direttiva NON prevede l’applicazione del marchio CE sui prodotti ad essa specificamente soggetti.
      La saluto cordialmente

  • DANIELA
    Posted at 06:23h, 14 giugno Rispondi

    Salve,
    sono un utente finale.Ho ricevuto un depuratore d’acqua ad osmosi inversa ed un manuale d’uso e manutenzione in lingua italiana che contempla come caratteristiche elettriche del depuratore : pompa booster 48 v cc 1,6 A con alimentazione a se stante.Sempre in questo manuale a paragrafi c’è un paragrafo di dichiarazione del Fabbricante che dice che “l’impianto per il trattamento domestico di acque potabili,ad Osmosi Inversa mod(nome soltanto senza un numero di serie) è conforme alle disposizioni del DM-N°25 del 07.02.2012,alle direttive CEE emanate dalla Comunità Europea e alle legislazioni nazionali vigenti in maniera di assmblaggio e fabbricazione di impianti per il trattamento delle acque potabili ad uso domestico”In questo manuale c’è una foto del depuratore con delle etichette contemplanti il nome del modello e il nome della ditta.Ma fisicamente guardando lo chassi della macchina non c’è nulla ,sono mancanti: il nome del modello ,il nome della ditta,il marchio CE,i dati tecnici come tensione consumo ed il numero di serie.La mia domanda è :sono in regola per recidere dal contratto senza pagare penali? Grazie in anticipo per la risposta.

    • cetn
      Posted at 14:03h, 15 giugno Rispondi

      Salve, il recesso dal contratto non ha necessità di giustificazione, entro il tempo stabilito dalla legge è possibile anche se il prodotto va benissimo, semplicemente perchè non lo vuole più. Sembra fantascienza, ma ciò che in USA è prassi consolidata, per legge è possibile anche in Italia, peccato che la cosa sia pressoché sconosciuta ed ovviamente spesso non rispettata dai venditori.
      Non entro nel merito del Suo prodotto, perchè per esprimere un parere dovrei vedere il prodotto e verificare se le leggi citate sono pertinenti, ma se vuole restituire il prodotto lo può fare comunque.
      In alternativa c’è sempre la Guardia di Finanza, che non è solo uno spauracchio per chi non paga le tasse, è anche al servizio dei cittadini per garantire i loro diritti, naturalmente è prassi comune considerare le autorità come “nemici del popolo” e non come difensori dei nostri diritti, ma qui entra in ballo la scelta personale.
      Cordiali saluti.

  • Stefano
    Posted at 14:09h, 19 agosto Rispondi

    Salve volevo sapere se per gli astucci contenenti matite colorate e pennarelli destinati chiaramente alle scuole elementari debbano riportare obbligatoriamente il marchi CE.
    Grazie

    • cetn
      Posted at 16:56h, 14 settembre Rispondi

      Salve, i sussidi didattici non richiedono la marcatura CE, ma rientrano nella direttiva 2001/95/CE.
      Spesso i colori ed i pennarelli riportano il marchio CE, perchè sono considerati giocattoli, dato che vengono usati in ambito domestico o nei locali pubblici, per far giocare i bambini.
      Cordiali saluti

  • Manuel
    Posted at 11:21h, 14 ottobre Rispondi

    Salve vorrei sapere se va applicata la marcatura CE sui seguenti prodotti :

    1) Guanti classici di solito gialli che usano le massaie per lavare i piatti

    2) batterie per automobili che si trovano anche presso supermercati

  • Manuel
    Posted at 11:23h, 14 ottobre Rispondi

    Buongiorno, è possibile sapere se la marcatura CE va applicata su questi prodotti?

    – batterie per automobili che si trovano anche presso supermercati

    – guanti classici di solito gialli che usano le massaie per lavare i piatti

    • cetn
      Posted at 10:12h, 19 ottobre Rispondi

      Salve, i guanti per lavare i piatti non sono considerati dispositivi di protezione individuale, le batterie per auto rientrano in automotive e quindi non sono soggette a marcatura CE.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • marcello
    Posted at 20:19h, 30 ottobre Rispondi

    Salve, produco carretti per lo street food in vetroresina per alimenti. La struttura è montata su una bici a pedalata assistita e viene allestita installando vari macchinari elettrici o a gas. tutti gli elementi sono marcati CE. volevo sapere se il prodotto finale così assemblato necessita di una marcatura CE ulteriore. Grazie mille.

    • cetn
      Posted at 22:26h, 03 novembre Rispondi

      Salve, il prodotto da Lei descritto necessita di marcatura CE, anche se tutti i componenti sono già marcati CE.
      La saluto cordialmente
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Giacomo
    Posted at 13:30h, 03 novembre Rispondi

    Buongiorno,devo brevettare un dispositivo a batterie che fa della musica (e anche altro), per il quale credo debba chiedere la marcatura CE (rispetto alla 2004/108 e alla 2011/66), ma anche il rispetto della sicurezza con la 2001/95.
    Secondo voi è possibile chiedere prima il brevetto e poi dedicarmi al rispetto di queste direttive ? al momento nel prototipo non sono state considerate.
    Grazie e complimenti

    • cetn
      Posted at 22:28h, 03 novembre Rispondi

      Salve, il brevetto non ha nulla a che vedere con la marcatura CE, che significa sicurezza del prodotto e rispetto delle leggi.
      Lei può fare la marcatura CE quando lo desidera, l’importante è che lo faccia prima di mettere il prodotto a disposizione di terzi.
      La saluto e La ringrazio.
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Riccardo
    Posted at 17:22h, 10 novembre Rispondi

    Buonasera, dovrei importare dalla Cina degli utensili a mano (Cacciaviti- Martelli- pinze ecc..) volevo sapere se sono soggetti a marcatura CE e l’eventuale normativa di riferimento. Grazie

    • cetn
      Posted at 14:26h, 17 novembre Rispondi

      Salve, queste sono attrezzature da lavoro, hanno una loro direttiva, ma non è prevista alcuna marcatura CE, chissà però cosa ne pensano in merito i doganieri italiani, mi vengono i brividi solo a pensarci.
      La saluto cordialmente
      Gordana Kocjancic s.p.

  • vale
    Posted at 20:21h, 15 febbraio Rispondi

    Salve, vorrei far produrre un armadietto con vani che conterrà nel vano posteriore un HUB multiusb qualcosa come quello mostrato link(http://www.amazon.it/Avantree-PowerTower-Caricabatterie-Veloce-tecnologia/dp/B00XVCG1J8/ref=sr_1_4?ie=UTF8&qid=1455447218&sr=8-4&keywords=avantree+multi+usb#productDetails) che permetterà la ricarica degli smartphone.
    Questo componente elettronico verrà acquistato da un fornitore e sarà già certificato ma visto che verrà integrato nell’armadietto devo certificare l’intero prodotto?

    Grazie

    • cetn
      Posted at 12:50h, 22 febbraio Rispondi

      Salve, questo prodotto deve essere marcato CE e se desidera un preventivo ce lo può richiedere.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • tiziana
    Posted at 08:47h, 06 marzo Rispondi

    Buon giorno ho acquistato dei piatti in ceramica dipinta a mano, tornata a casa mi sono accorta che non è presente il marchio CE e made in PRC…l azienda madre e italiana.
    Mi date dei chiarimenti
    Grazie
    Tiziana

    • cetn
      Posted at 17:22h, 08 marzo Rispondi

      Salve, questi prodotti non devono e non possono essere marcati CE, quindi formalmente è tutto corretto.
      Per quanto riguarda le pitture occorre fare attenzione, perchè potrebbero rilasciare sostanze nocive e se sono destinati ad uso alimentare dovrebbero esserci delle dichiarazioni che ne affermano l’idoneità.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Enrico Paladini
    Posted at 07:36h, 11 maggio Rispondi

    Buongiorno
    ho ricevuto dalla Germania una bobina di cavo UTP per reti LAN. Il distributore afferma quanto sotto e vorrei capirne se corrisponde o meno al vero. “Il cavo è conforme alla normativa RoHS, il che significa che NON E’ COSTITUITO da materiale/sostanze proibite dale norme vigenti.
    La vigente Direttiva Europea sul RoHS (2011/65/EU) si applica – oltre che a tutti i devices elettrici e elettronici – solamente ai connection cables.
    Connection cables include tutti i cavi che possiedono i plug che consentono di collegare i devices tra loro e/o con power network. Pertanto il solo “pezzo” di cavo non necessita obbligatoriamente del marchio CE”

    Ringraziando, cordiali saluti
    Enrico

    • cetn
      Posted at 10:35h, 22 giugno Rispondi

      Salve, ora oltre agli italiani, anche i tedeschi si mettono ad interpretare le leggi.
      Secondo questa teoria, se il cavo ha i plug va marcato, invece senza plug non va marcato, perciò solo i plugs sono materiale elettrico/elettronico soggetto a RoHS.
      Appare strano che si affermi che il prodotto è conforme alla RoHS, che prevede la marcatura CE e poi si dica che il cavo non deve essere marcato CE.
      Mi verrebbero tanti epiteti per questo signore, ma li lascio a Lei.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • R. Batti
    Posted at 13:29h, 29 giugno Rispondi

    Buongiorno,
    sono a chiederLe se una vasca in plastica e pvc (1000x1000x500 mm)contenente un filtro per l’abbattimento di sostanze odorigene necessita di marcatura CE e di fascicolo tecnico. L’apparecchiatura non è alimentata in alcun modo e non è in pressione.
    Nel ringraziarLa anticipatamente Le faccio i complimenti per la sua professionalita.

    • cetn
      Posted at 10:33h, 28 luglio Rispondi

      Salve, mi scuso per il ritardo nella risposta.
      Questo prodotto si prefigura come una sorta di vasca biologica e se è così dovrebbe sottostare alla direttive sulle vasche settiche e sui depuratori.
      Dovrei conoscere in dettaglio il sistema nel quale viene integrato per poter rispondere più precisamente.
      La saluto cordialmente
      Gordana Kocjancic s.p.

  • R. Batti
    Posted at 13:30h, 29 giugno Rispondi

    Mi scuso per l’errore: acciaio e pvc

  • Andrea
    Posted at 10:44h, 29 agosto Rispondi

    Buon giorno.
    I transponder contactless utilizzati per i controlli accessi, devono essere marcati CE? Non hanno ne contatti elettrici ne batterie e possono funzionare solo con il rispettivo lettore che ha la sua marcatura CE.
    Cordiali saluti

    • cetn
      Posted at 05:28h, 02 settembre Rispondi

      Salve, qualsiasi prodotto che abbia componenti elettroniche di qualsiasi tipo, deve essere marcato CE, almeno per una direttiva, poi in funzione del suo impiego potrebbero essercene altre che impongono la marcatura CE, ma una è più che sufficiente.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • roberto tronco
    Posted at 07:14h, 15 ottobre Rispondi

    buongiorno. dovrei importare dal giappone una macchina per la produzione di pasta ( ramen) ad alimentazione elettrica per un ristorante . Deve avere il marchi CE ?

    • cetn
      Posted at 07:24h, 04 novembre Rispondi

      Salve, la macchina deve essere marcata CE, ma attenzione! la marcatura CE la deve fare l’importatore cioè Lei.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • mecioto
    Posted at 10:47h, 14 novembre Rispondi

    buongiorno,
    siamo un’azienda metalmeccanica, produciamo pezzi in metello, se non erro, per questa tipologia di prodotti non siamo soggetti a marcatura CE, ma dobbiamo comunque adempiere al rispetto della sicurezza con la 2001/95, giusto?
    Ora Le chiedo, c’è una check list di requisiti, un documento, o altro a cui fare riferimento per definire questo “prodotto sicuro” o “potenzialmente sicuro”?
    La ringrazio.

    • cetn
      Posted at 10:44h, 15 novembre Rispondi

      Salve, i Vostri prodotti sono soggetti alle direttive a cui sono soggetti i prodotti finali in cui vanno inseriti.
      Nel caso facciate parti di macchine, dovrete rispettare la direttiva macchine e via di seguito.
      La 2001/95/CE riguarda la sicurezza dei prodotti generici, ma i Vostri prodotti potrebbero non essere generici, ma destinati ad uso specifico, ad esempio se producete una ruote dentata, questa non è un prodotto generico, se producete una carrucola, non è un prodotto generico.
      Spero che il concetto sia chiaro ed è importante non confondere la marcatura CE (applicazione del marchio sul prodotto) dalla marcatura CE (processo cui sottoporre un prodotto per garantirne la sicurezza), stesse parole, ma significato diverso.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

      • mecioto
        Posted at 09:52h, 13 gennaio Rispondi

        la ringrazio per la risposta, a questo punto Le chiedo.., noi produciamo questi pezzi che vengono però progettati da un committente ed installati sulla macchina sempre da essa, la nostra responsabilità nel dover rispettare la direttiva macchine si limita a rispettare i requisiti essenziali di sicurezza? senza dover stilare una dichiarazione di conformità del pezzo, quindi senza stilare il fascicolo tecnico e senza dover apporre il marchio CE sul pezzo in questione, è esatto?
        nel momento in cui invece, fossimo noi stessi produttori di una macchina, siamo obbligati a rispettare la direttiva macchine, a stilare il fascicolo tecnico ed a apporre il marchio! per apporre il marchio e stilare il fascicolo, c’è bisogno di qualche autorizzazione da parte di enti specifici? o essendo i diretti responsabili può essere gestita direttamente da noi produttori?
        Spero di essere stata chiara, i dubbi a volte sono molti.

        • cetn
          Posted at 15:20h, 13 gennaio Rispondi

          Salve, Voi dovete rispettare la direttiva macchine in ogni caso, anche se producete una sola vite che andrà montata su quella macchina.
          Il rispetto della direttiva macchine prevede la realizzazione di un fascicolo tecnico, in ogni caso.
          Esso sarà più o meno complicato a seconda della complessità del prodotto, ma non esistono situazioni in cui sia possibile non predisporlo.
          La regola della marcatura CE è la seguente: ognuno risponde per tutto ciò che fa.
          Potrà essere superfluo applicare l’etichetta sul prodotto, se esso non è completo o è solo un componente, ma non è certo un’etichetta ciò che fa la differenza tra fare e non fare la marcatura CE.
          Rispettare i requisiti essenziali significa fare l’analisi dei rischi e formalizzarla, inoltre è necessario predisporre le istruzioni su come utilizzare il prodotto realizzato, dichiarare che esso è conforme alle direttive ed alle norme rispettate, illustrare il metodo di produzione, disporre di un elenco dei componenti e dei relativi fornitori, avere a disposizione, disegni, relazioni e tutto ciò che è servito a realizzare il prodotto, a questo punto si può evitare la già citata etichetta, che è come la bandierina sulla punta della punta di un iceberg. Non tanto importante direi.
          La saluto cordialmente
          Gordana Kocjancic s.p.

        • mecioto
          Posted at 11:42h, 18 gennaio Rispondi

          Mi scusi se continuo a chiedere, manon riesco a trovare un riscontro sulla DIRETTIVA 2006/42/CE dove essa dice:
          1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti:
          a) macchine;
          b) attrezzature intercambiabili;
          c) componenti di sicurezza;
          d) accessori di sollevamento;
          e) catene, funi e cinghie;
          f) dispositivi amovibili di trasmissione meccanica;
          g) quasi-macchine.

          Parlando nel dettaglio, per la produzione di uno stampo, in quale classe ricadremmo? perchè a me pare di non rientrare in nessuna categoria? Attrezzatura intercambiabile? ma lo stampo non và a modificare la funzione della macchina sulla quale esso è montato, perchè la macchina del committente dello stampo, viene progettata per quella funzione.
          idem se parliamo di utensili, questi non ricadono comunque in queste categorie.
          cosa mi stà sfuggento?
          mi scusi e grazie in anticipo

          • cetn
            Posted at 13:02h, 18 gennaio

            Salve, lo stampo è un’attrezzatura intercambiabile, perchè modifica la funzione della macchina, che infatti rimane macchina, viene marcata CE senza necessità di avere lo stampo montato e senza necessità di modificarne la marcatura CE ad ogni cambio di stampo.
            Lo stampo non è un utensile, perchè esegue solo un prodotto specifico, quindi è compreso nella definizione di attrezzatura intercambiabile.
            Se poi ha camera calda o parti mobili a sè stanti, deve rispettare anche altre direttive e potrebbe essere anche considerato “quasi macchina”, ma la classificazione più corretta, a mio avviso è la b).
            L’alternativa, sostenuta da molti è che non sia “nulla” (possibile?) e che non necessiti di nulla. Spiegazione di comodo per non rispettare la direttiva macchine, anche se poi è una scappatoia inesistente, perchè questi sostenitori del “fare nulla”, dimenticano la direttiva 2001/95/CE, che impone praticamente le stesse cose.
            Cordiali saluti
            Gordana Kocjancic s.p.

  • Dario
    Posted at 15:02h, 16 novembre Rispondi

    Buongiorno dovrei importare dalla Cina delle semplici penne da scrittura in materiale plastico. sono soggette a marcatura ce ?

    • cetn
      Posted at 15:51h, 17 novembre Rispondi

      Salve, le penne non sono soggette a marcatura CE, ma devono rispettare la direttiva 2001/95/CE “sicurezza generale dei prodotti”.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Luca
    Posted at 12:39h, 16 dicembre Rispondi

    buongiorno,
    Volevo chiedere se le batterie ricaricabili Litio Polimero (Lithium-ion Polymer rechargeable Battery), devono avere una certificazione CE o altra tipo di certificazione.
    grazie.

    • cetn
      Posted at 21:13h, 16 dicembre Rispondi

      Salve, tutte le batterie devono essere marcate CE, a meno che non si voglia sostenere, come un “esperto” ha affermato durante un colloquio con noi, che : le batterie NON sono un prodotto elettronico, NO, NO, NO!. Evidentemente, secondo questo signore, nelle batterie non c’è un flusso di elettroni da un polo all’altro, forse un flusso di alcool etilico????
      Scherzi a parte, la questione è seria, perchè questo “esperto” svolge attività di consulente, per importanti aziende produttrici di batterie, quindi se una confusione del genere ce l’hanno gli “esperti”, che vendono queste perle di sapienza, possiamo valutare la conoscenza media di noi comuni mortali.
      Le batterie, come tutti i prodotti elettrici ed elettronici, hanno l’obbligo di marcatura CE.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Elisabetta
    Posted at 14:19h, 01 gennaio Rispondi

    Buongiorno,
    mi risultava prima di leggere il vostro sito, che i prodotti cosmetici rientrassero nell’ obbligo della marchiatura CE sulle confezioni. Potete darmi conferma che non sia così?

    Grazie
    Cordiali saluti
    Elisabetta

    • cetn
      Posted at 13:34h, 02 gennaio Rispondi

      Salve, da quanto Lei afferma è evidente che circolano sull’argomento, molte informazioni errate, messe in giro, sia per ignoranza, che per convenienza.
      La cosa più opportuna è verificare se la direttiva sui cosmetici ne preveda la marcatura CE, il fatto che lo affermiamo noi, è solo un’informazione e se la cosa fosse importante per Lei, non sarebbe il caso di fidarsi neppure di ciò che sta scritto sui nostri siti, ma verificare direttamente dalla legge.
      Noi siamo certi di ciò che affermiamo, ma Lei, come tutti del resto, dovrebbe cercare conferme ufficiali e non fermarsi a ciò che dice o scrive qualcuno, che non si prende alcun rischio per ciò che afferma.
      La libertà di parola è una bella cosa, ma siccome ce l’abbiamo tutti, comporta dei rischi, ovvero affermare consciamente o meno, delle stupidaggini, perciò vale sempre il proverbio “….. non fidarsi è meglio”.
      Verifichi se la direttiva cosmetici prevede la marcatura CE ed in caso affermativo ci invii un altro commento, indicando che abbiamo sbagliato, lo pubblicheremo certamente e faremo ammenda del nostro errore, i blog servono anche a questo.
      La ringrazio e La saluto cordialmente
      Gordana Kocjancic s.p.

      • elisabetta
        Posted at 14:45h, 02 gennaio Rispondi

        Non comprendo il motivo per cui Lei abbia dato questa risposta così polemica. La mia era una pura e semplice domanda dettata da una difficoltà ad orientarsi sull’argomento. Ripeto, ero partita da una informazione (probabilmente spagliata) ed ho semplicemente chiesto a voi (considerato che c’era un invito a contattarvi in caso di dubbi) se potevate darmi conferma che la MIA informazione era EFFETTIVAMENTE sbagliata e non era mia intenzione convincervi del contrario.
        Ad ogni modo ringrazio per la pronta risposta con l’impegno di astenermi da qualsivoglia richiesta di dubbi in futuro.

        cordiali saluti
        cordiali Sakuti

        • cetn
          Posted at 15:16h, 02 gennaio Rispondi

          Salve, nella mia risposta non c’era alcuna intenzione polemica, ma solo l’intenzione di mettere in guardia Lei e chiunque legge qualsiasi cosa su internet, che ciò che sta scritto, anche su siti qualificati, non è detto sia corretto, quindi non ci si deve MAI fidare.
          La mia richiesta di rettificare quanto da noi scritto nel sito, va letta così come è scritta e non come una sfida.
          E’ già capitato che un lettore abbia segnalato un errore su un nostro articolo e noi oltre ad avere corretto l’errore abbiamo pubblicato il commento e ringraziato.
          Comprendo che gli “esperti” siano abituati a fare polemiche con chi mette in dubbio la loro conoscenza, ma qui è successo esattamente il contrario, io ho messo in dubbio TUTTO ciò che si trova su internet e che non è ufficiale, ovvero contenuto in un testo di legge, quindi se io metto in dubbio anche ciò che scriviamo noi e chiedo di essere eventualmente corretto, non comprendo dove sia la polemica.
          Forse Lei che mi attribuisce conoscenze e capacità che non ho mai dichiarato e per tale ragione non sento messe in discussione.
          Io mi pongo esattamente allo stesso livello di coloro che fanno le domande e non do per scontato di avere la “verità” in tasca, accetto ed apprezzo le critiche e le correzioni e per tale ragione le chiedo e non per affermare che la nostra tesi è quella corretta.
          Un mio amico dice: -fino alla bara, sempre si impara- ed è con questo spirito che ho risposto, se poi Lei ci vuole leggere la polemica, non posso farci nulla, ma esiste alche il confronto ed il dialogo sincero e diretto, senza alcuna volontà polemica, che io lascio volentieri ai talk show ed agli appassionati del genere.
          Se vorrà interpellarci in futuro o portare opinioni diverse dalle nostre, sarà sempre bene accettata, se invece preferisce rivolgersi a “chi sa” e non si mette in discussione, non c’è alcun problema, ce ne faremo una ragione.
          La saluto cordialmente
          Gordana Kocjancic s.p.

  • Fabrizio
    Posted at 08:56h, 11 gennaio Rispondi

    Buongiorno, abbiamo fatto costruire ad una officina meccanica una macchina operatrice munita di cingoli in gomma. La macchina è ad uso strettamente sperimentale. Deve anche in questo caso avere marcature CE ?

    Grazie

    • cetn
      Posted at 17:32h, 11 gennaio Rispondi

      Salve, questa macchina deve essere marcata CE se vine utilizzata in qualsiasi forma, anche l’uso sperimentale deve avvenire in condizioni di sicurezza dimostrate.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Leo
    Posted at 17:08h, 06 marzo Rispondi

    Salve, volevo sapere se per delle decorazioni natalizie a led a batteria oltre al RoHS l’articolo deve essere conforme a qualche direttiva per la marcatura CE, non vi sono componenti attive, solo porta batterie, led, interruttore e cavi (quindi in teoria niente EMC e LVD) . Inoltre deve essere marcato CE anche senza direttive per la marcatura CE?

    • cetn
      Posted at 15:50h, 08 marzo Rispondi

      Salve, le decorazione natalizie sono soggette a marcatura CE dato che la direttiva RoHs è una direttiva che prevede la marcatura CE.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Eleonora
    Posted at 20:27h, 20 aprile Rispondi

    Buonasera, ho comprato dei ciucci per bambini ma ho notato che non c’è sulla confezione nè sul ciuccio stesso il marchio CE… Dovrebbe esserci?Grazie

    • cetn
      Posted at 09:57h, 26 aprile Rispondi

      Salve, questi prodotti non sono soggetti ad obbligo di marcatura CE.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Marco
    Posted at 21:19h, 10 maggio Rispondi

    Buonasera
    vorrei saepere gentilmente se del nastro in fibra sigillante per raccordi tubazione gas deve o puo’ avere la marcatura CE.

    • cetn
      Posted at 10:04h, 11 maggio Rispondi

      I verbi “deve” e “può” non sono tra loro compatibili per la marcatura CE, se deve, deve, se non deve non può.
      La marcatura CE non è un’azione volontaria, se è richiesta dalla direttiva è un obbligo, se non è richiesta dalla direttiva, non si può fare.
      L’unica norma armonizzata pertinente è quella riportata più sotto, ma non so se sia attinente al prodotto da Lei indicato, questa verifica deve essere fatta da chi produce questo nastro.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

      EN 682:2002
      Elementi di tenuta in elastomero — Requisiti dei materiali elastomerici utilizzati in tubi e raccordi
      per il trasporto di gas e idrocarburi fluidi

  • Marco
    Posted at 20:13h, 13 maggio Rispondi

    Salve, un ammortizzatore per mtb (che ha una parte interna con aria in pressione, ma senza valvole di sicurezza) venduto singolarmente come ricambio per i telai in commercio, necessita del marchio ce?
    E pedali sempre per mtb lo richiedono?
    Grazie

    • cetn
      Posted at 10:30h, 15 maggio Rispondi

      Salve, immagino che mtb significhi mountainbike, (perchè non scrivere le cose in modo chiaro?), in questo caso il prodotto va marcato CE in quanto ha delle parti in pressione.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Claudio
    Posted at 09:44h, 01 giugno Rispondi

    Buongiorno,
    volevo sapere se i filtri aria, olio, carburante che hanno applicazioni per auto/trattore/macchine movimento terra, sono soggetti a marcatura CE.
    Siamo degli importatori abituali da paesi extra UE.
    Grazie

    • cetn
      Posted at 10:26h, 02 giugno Rispondi

      Salve, normalmente i filtri sono prodotti per automezzi che circolano anche su strada, quindi sono automotive e non devono essere marcati CE, ma se la macchina non va per luoghi pubblici non è automotive e quindi deve essere marcato tutto CE, filtri compresi.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Roberta
    Posted at 11:52h, 25 giugno Rispondi

    Buonasera, mi piacerebbe avere informazioni sulla certificazione ce per ferramenta come morse.
    Vi ringrazio per l’attenzione.

    • cetn
      Posted at 07:04h, 30 giugno Rispondi

      Salve, mi scuso per il ritardo, ma una disfunzione tecnica non ha segnalato i commenti.
      Le attrezzature come le morse manuali o altri attrezzi da officina, non devono essere marcate CE, ma devono rispettare la direttiva 2001/95/CE e la direttiva sulle attrezzature.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic s.p.

  • Emilio Palermo
    Posted at 21:59h, 17 novembre Rispondi

    Salve,

    Per importare dalla Cina accendini USB, è necessario che per tali prodotti i fornitori abbiano solo la certificazione CE oppure anche la ROHS?

    Grazie in anticipo.

    • cetn
      Posted at 14:57h, 05 dicembre Rispondi

      Salve,tutti i prodotti elettronici devono rispettare la RoHS e quindi essere marcati CE.
      Buongiorno
      Gordana Kocjancic

  • Santiago
    Posted at 19:17h, 10 gennaio Rispondi

    Salve,
    desidero sapere se la marcatura CE sia obbligatoria per partizioni interne verticali, caratterizzate dall’assemblaggio in cantiere degli elementi costituenti quali montanti, pannello isolante, cartongesso ecc.
    Tale prodotto è soggetto a qualche altra certificazione obbligatoria?

    Ringrazio anticipatamente per l’attenzione

    • cetn
      Posted at 08:51h, 23 gennaio Rispondi

      Salve, le parti componenti devono essere marcate CE se sono soggette a norme armonizzate, come ad esempio il cartongesso, mentre il prodotto finale realizzato in cantiere non deve essere marcato CE.
      Cordiali saluti
      Gordana Kocjancic

  • Lorenzo
    Posted at 17:47h, 03 marzo Rispondi

    Salve,
    vorrei sapere se per prodotti di travertino (lapidei) in generale (semilavorati e non) è richiesta l’obbligatorietà della certificazione CE e, qualora la risposta sia affermativa, come poterla richiedere.
    Grazie per la collaborazione.
    Saluti,
    Lorenzo Raco

    • cetn
      Posted at 17:58h, 05 marzo Rispondi

      Salve, per questi prodotti la marcatura CE è obbligatoria.
      La marcatura CE non si richiede ma si fa
      Le invierò un preventivo per la nostra consulenza sulla marcatura CE.
      Cordiali saluti
      Gordan Kocjancic

  • Enrico
    Posted at 22:05h, 20 marzo Rispondi

    salve, ho comprato da un rivenditore spagnolo un lucchetto per biciclette di un noto marchio statunitense, prodotto in Taiwan.
    Sulla confezione è scritto (solo in inglese) “avvertenza: questo prodotto contiene sostanze, incluso piombo, riconosciute dallo stato della California, causa di malformazioni o difetti di nascita. lavarsi le mani dopo l’uso”.
    ovviamente ho cercato subito il marchio CE che non ho trovato ne sulla confezione ne sul prodotto.
    Visto la probabilità che possa toccare il lucchetto almeno una volta al giorno, meglio che proceda al reso e comprarne un altro o queste avvertenze sono solo precauzioni di normative americane? è normale che non presenta il marchio CE?
    molte grazie

    • cetn
      Posted at 08:18h, 21 marzo Rispondi

      Salve, la California è per ora uno dei pochi stati USA, forse l’unico, che si è posto il problema dei materiali inquinanti sui prodotti e mentre nella vecchia e tanto denigrata Europa, molte sostanze sono bandite totalmente o ammesse solo in minima parte, negli USA, che sono già stati sulla luna, questo problema non è neppure considerato.
      Ho trovato anch’io in USA molti prodotti con quella dicitura, che significa “Attenzione può essere pericoloso”.
      Da noi in UE questi prodotti non potrebbero essere immessi in commercio ed ovviamente Lei inconsapevolmente ha commesso un illecito, acquistando questo prodotto, dato che è Lei che “figurativamente” si è recato in USA ad acquistarlo e poi lo usa in UE.
      Questo è il “bello” degli acquisti on line, il responsabile è chi acquista e questo non viene spiegato in nessuna trasmissione radio o tv, perchè la salute dei cittadini fa notizia solo quando moriamo in circostanze anomale. Grandi titoli per due giorni e poi amen, diventiamo nulla come eravamo prima.
      Cosa fare? Certamente quel prodotto non Le creerà alcun danno, ma se vuole essere tranquillo al 100% può restituirlo, ma Lei pensa che se ne acquista un altro venduto da un sito UE, il lucchetto sia più sicuro? Pura e semplice illusione! La sicurezza di ciò che acquistiamo dipende dall’onestà e dalla serietà di tutta la filiera produttiva e distributiva.
      Di fronte a presidenti della repubblica (francese) che sembra si facciano giustizia privata usando gli eserciti nazionali, a case automobilistiche che hanno “smesso” di inquinare l’aria, semplicemente taroccando le centraline di controllo, ad elezioni pilotate da sistemi di persuasione occulta, Lei pensa che qualcuno si preoccupi di fare un lucchetto con “un po’ di piombo o altre sostanze nocive” per la NOSTRA salute?
      Personalmente penso proprio di no e mentre all’età della pietra dovevano difendersi dalle belve feroci, ora noi dobbiamo difenderci dalle stesse belve, che però adesso hanno sembianze umane e sono molto più difficili da individuare.
      Tenga pure il lucchetto, oppure lasci aperta la bici, in questo secondo caso non rischia la salute, ma solo la bici.
      Cordiali saluti
      Grodana Kocjancic

      • Enrico
        Posted at 22:00h, 21 marzo Rispondi

        grazie per la risposta molto esaustiva
        Enrico

  • Sergio
    Posted at 13:47h, 06 aprile Rispondi

    Buongiorno, mi sa dire se i cavi batteria sono soggetti marcatura CE?
    Grazie

    • cetn
      Posted at 07:15h, 23 aprile Rispondi

      Salve, i cavi per batteria sono un prodotto elettrico/elettronico, quindi devono essere marcati CE.
      Cordiali saluti
      CetN

  • Emilio Palermo
    Posted at 07:50h, 24 aprile Rispondi

    Buongiorno,

    Io dovrei iniziare a importare specchi LED a breve.

    L’azienda mi ha mandato il certificato CE del prodotto, vorrei sapere se mi serve anche quello relativo a ogni sottocomponente elettrica (generatore e stringa led in questo caso). Grazie in anticipo.

    Cordiali Saluti

    Emilio Palermo

    • cetn
      Posted at 09:49h, 24 aprile Rispondi

      Salve, il certificato (qualsiasi certificato) è utile SOLO al produttore, quel documento a Lei non serve a nulla, se non a capire che il produttore (forse) è corretto e produce secondo le norme.
      Lei deve fare TUTTA la marcatura CE del Suo prodotto finale, in quanto Lei è il soggetto europeo che lo immetterà sul mercato europeo.
      Nel caso avesse necessità può richiedere il nostro intervento a info@cetn.eu
      Staff CetN

  • Filippo de cecchi
    Posted at 20:59h, 29 maggio Rispondi

    Buongiorno, dovremo cominciare ad importare biciclette da corsa da un’azienda americana che produce a taiwan, a quanto capisco dobbiamo stilare (farlo fare a qualcuno di competente) il fascicolo tecnico, serve anche marcare CE le biciclette? (telai, forcelle e cerchi) NON hanno pedalata assistita, solo forza umana.
    grazie mille
    Filippo

    • cetn
      Posted at 12:56h, 31 maggio Rispondi

      Salve, questi prodotti rientrano nella direttiva 2001/95/CE e devono rispettare le norme di prodotto, quindi è obbligatorio il fascicolo tecnico ma non il marchio CE sui prodotti.
      Cordiali saluti
      Staff CetN

Post A Comment