Onesti o imbroglioni?

Ritengo che questo dilemma passi spesso per la testa alle persone oneste (gli imbroglioni non hanno dubbi) quando si trovano di fronte a clienti che pervicacemente sembrano ricercare il modo più complicato ed astruso per farsi imbrogliare.

Ci riferiamo in questo caso a tutti coloro (la maggioranza) che a fronte del fatto che gli si spieghi che le leggi richiedono:

  • la marcatura CE e non le prove di laboratorio
  • i certificati solo da Organismo Notificato
  • i certificati solo in alcuni specifici casi
  • il fascicolo tecnico e non delle generiche dichiarazioni
  • la responsabilità di un soggetto europeo e non di un extra europeo

si ostinano a dare ascolto a chi gli racconta fantasie, anziché documentarsi direttamente leggendo le direttive.

Ci sono sul mercato dei venditori di fumo, ma ci sono anche i compratori di fumo e sinceramente ci si trova in imbarazzo nello scoprire che sono entrambi molto impegnati nel loro ruolo.

Come si fa a credere a qualcuno che Ti promette l’immunità da qualsiasi responsabilità, se gli commissioni il certificato X o Y?

Come si può pensare che una prova su un campione, garantisca la qualità della produzione di migliaia di pezzi.

Com’è possibile affrontare una qualsiasi attività pensando onestamente che esita un modo per non assumersi alcuna responsabilità su ciò che si fa?

Allora qualche volta l’onesto viene colto da un amletico dubbio, ovvero: spiego le cose come sono scritte nelle leggi o invento anch’io delle favole, visto il successo che incontrano? Poi l’onesto, non per suo merito, ma perchè è fatto così, sceglie sempre la sua strada, ma che tristezza!

Non parliamo poi dei costi, solo due giorni fa (proprio il giorno di Pasqua) un cliente mi ha riferito che per fare la marcatura CE su delle lampade a led, gli hanno ipotizzato un costo di 30.000,00 (TRENTAMILA)  euro, e poi ci sono altri che fanno una verifica su una struttura portante per 300,00 (TRECENTO) euro, per non dire dell’implementazione dell’ISO 9001 a 900,00 euro.

Possibile che in questo Paese abbiamo perso il senso della ragione e delle dimensioni, quanto deve lavorare una persona per fare la marcatura CE di alcune lampade, un anno? Com’è possibile che un professionista progetti correttamente una struttura in 2 o 3 ore? ( i 300 euro solo lordi e comprendono oltre il 50% di tasse,più tutti i costi), cos’è un sistema di gestione se si può creare in poche ore e con alcune centinaia di fotocopie?

Comprendo la difficoltà di valutare il lavoro degli altri, quando non lo si conosce, ma il buon senso dovrebbe essere un patrimonio comune a cui attingere durante tutta la nostra vita, perchè non viene utilizzato?

 

 

 

 

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *