Uno degli argomenti sui quali molti clienti ci chiedono informazioni ed assistenza riguarda la marcatura CE dei prodotti di importazione.

I clienti sono:

  • gli importatori, ovvero operatori commerciali che acquistano i prodotti al di fuori della comunità europea e poi li immettono sul mercato UE;
  • gli spedizionieri internazionali che offrono servizi agli importatori.

Il regolamento in vigore sull’importazione è chiaro

La causa di questo aumento considerevole di richieste è dovuta al fatto che è entrato in vigore il Regolamento 1020/2019 che modifica il precedente 765/2008 (link al sito ufficiale).

Questo nuovo regolamento ha il pregio di essere molto chiaro e non induce in interpretazioni equivoche, sulle quali abbiamo disquisito per anni.

Oggi qualsiasi doganiere, che abbia letto almeno gli articoli 26,27 e 28 sa esattamente come comportarsi.

Questa chiarezza però corrisponde ad una maggiore difficoltà degli operatori che fino ad oggi hanno operato in modo, diciamo così, leggero.

Cos’ è falso sulla marcatura CE dei prodotti di importazione:

Fino ad oggi ed ancora oggi molti pensano, in buona o mala fede che:

  • Il passaggio in dogana sia di per sé autorizzazione al commercio.
  • La marcatura CE dei prodotti di importazione possa essere fatta da un soggetto extra UE.
  • La marcatura CE sia l’etichetta attaccata al prodotto.
  • Nel peggiore dei casi la marcatura CE la si possa fare dopo l’importazione.

Cos’è vero:

Tutto quanto sopra è FALSO ed il Regolamento 1020 enuncia in modo chiarissimo:

  • Il prodotto che supera il confine della comunità europea deve rispettare il diritto europeo, ovvero deve essere in regola tra le altre cose con la marcatura CE o con la legge sulla sicurezza generale dei prodotti.
  • Il rilascio dei prodotti da parte della dogana NON è autorizzazione all’immissione in commercio.
  • Solo l’autorità di controllo può concedere una procedura alternativa, purché ravvisi la possibilità di poter conformare un prodotto che magari non rispetti al 100% il diritto europeo, ma non sia completamente al di fuori della norma.

Quindi, se il Regolamento 1020 fosse conosciuto e rispettato dai doganieri, praticamente quasi nulla potrebbe entrare sul territorio UE.

Ciò si intende nel rispetto anche di tutte le direttive ed i regolamenti sulla marcatura CE, che affermano in altro modo gli stessi elementi fondamentali.

Elementi fondamentali per l’importazione legale di un prodotto

Questi sono:

  • deve esistere un soggetto UE che risponde civilmente e penalmente del rispetto del diritto europeo dei prodotti introdotti all’interno dei confini europei.
  • Ogni prodotto deve avere un corrispondente fascicolo tecnico nel quale siano contenuti tutti i documenti che dimostrano che il prodotto ed il fabbricante, così come definito dalla legge, rispettano i requisiti previsti dalla legge che disciplina quello specifico prodotto.
  • Il fabbricante non è necessariamente chi produce un bene, ma il soggetto che lo immette sul mercato UE con il proprio nome e nel caso di prodotti importati, se il produttore non ha un mandatario, il fabbricante si identifica con l’importatore.
  • Quando sono previsti e solo quando sono previsti, devono essere presenti i certificati indicati dalla legge, rilasciati da un organismo notificato. Tali certificati, tuttavia, non sono mai sufficienti, come qualcuno tende a far credere.
  • Devono (dovrebbero) sempre essere presenti le procedure di controllo della produzione e le procedure di verifica finale, dato che senza di esse è impossibile garantire la costanza dei requisiti e delle prestazioni dei prodotti.

Rimane quindi una domanda:

cosa devono fare gli importatori europei e gli spedizionieri che li assistono?

Semplice: conoscere e rispettare la legge, sia nei modi che nei tempi. Preoccuparsi della marcatura CE dei prodotti di importazione e del fascicolo tecnico PRIMA dell’importazione e non dopo che la merce è stata bloccata in dogana, quando è troppo tardi.

Naturalmente come per tutte le cose, non si nasce imparati e non si può conoscere tutto. Per rimediare a questo esistono i consulenti, ovvero tecnici, che certamente non sanno fare le cose che fanno i loro clienti, ma possono indicare gli obblighi di legge e come questi devono essere rispettati.

Ti serve consulenza sulla marcatura CE dei prodotti di importazione?

CetN è disponibile a darti tutte le informazioni di cui hai bisogno e a guidarti nella procedura necessaria per immettere legalmente i tuoi prodotti nel mercato comunitario.

Ti forniamo assistenza e consulenza a partire dall’analisi dei rischi, parte integrante del fascicolo tecnico, senza la quale non si può garantire la sicurezza e non si può realizzare una marcatura CE rispettosa della legge.

Il Tuo prodotto necessita di fascicolo tecnico, chiedici informazioni a riguardo!

Contattaci scrivendo a info@cetn.eu o chiamaci al +39 391 383 6605.

Informazioni e preventivi sono sempre gratuiti.


Ci teniamo a darti quante più informazioni possibili. Forse potrebbero interessarti anche questi articoli: